CBD Effeti negli esseri umani

Il CBD funziona – non importa se sotto forma di olio, gocce, liquido o altro. Questo è certo, ma l’effetto CBD non è ancora stato studiato a fondo. Anche se è un peccato, la risposta molto positiva della comunità scientifica fino ad oggi dà motivo di sperare in effetti positivi. Il meccanismo d’azione del cannabidiolo è già descritto in letteratura e questo è esattamente ciò che stiamo esaminando oggi. Inoltre, vi diremo che cosa CBD Effeti potrebbe essere utile in base allo stato attuale.

CBD Effeti

Cannabidiolo e l’effetto pleiotropico

Pleiotropico – che parola. Quando si dice che la CBD è una sostanza pleiotropica, significa semplicemente che l’effetto e l’effetto collaterale si verificano in molti modi diversi. Naturalmente, ciò non rende più facile per i ricercatori individuare i meccanismi d’azione esatti.

Quello che è certo, tuttavia, è che la CBD non è psicoattiva rispetto al THC e quindi non provoca alcun cambiamento di coscienza. In senso classico, l’effetto cannabidiolo non ha nulla a che fare con lo stato di intossicazione che il THC è in grado di innescare. Inoltre, gli effetti della CBD promettono anche molteplici benefici terapeutici.

CBD Effeti su diversi recettori

Quello che è certo è che il cannabidiolo interagisce con diversi recettori, sia attivamente che semplicemente bloccandoli. Oltre ai “classici” recettori dei cannabinoidi (CB1 e CB2) sui quali il THC ha il suo effetto, il CBD ha un’affinità di legame relativamente bassa. Tuttavia, CB1 in particolare svolge un ruolo non trascurabile.

  • Il CBD contrasta il THC somministrato simultaneamente su CB1 e ne inibisce gli effetti collaterali (p.e. cravatte e ansia).
  • Inoltre, CBD può anche agire attivamente su questo recettore da…
  • … CBD inibisce l’enzima FAAH e aumenta così la concentrazione di anandamide nel corpo.
  • L’anandamide è una sostanza endogena che ha un’alta affinità con il recettore CB1.
  • Sul CB2 il cannabidiolo ha un effetto sul sistema nervoso e immunitario, aumentando anche la concentrazione dell’enzima 2-AG.

I nostri lettori giurano di olii di candropharm.
Particolarmente puro, altamente dosato e privo di THC!

Effetto sul TRPV-1, un recettore vanilloide

Recettore vanilloide. Ricorda la vaniglia – ha anche a che fare con essa. Il recettore su cui si sviluppa anche il nostro effetto CBD in realtà prende il nome dalla baccello di vaniglia. Proprio come il baccello, il cannabidiolo stimola questo recettore e quindi agisce su …

  • … temperatura corporea,
  • Infiammazioni e
  • Percezione del dolore.

In particolare l’effetto CBD nel mal di testa può essere spiegato con esso, perché il baccello di vaniglia è stato stimato in tempi precedenti a causa proprio di questo effetto contro questo tipo di dolore.

Cannabidiolo agisce direttamente sul recettore della serotonina

I recettori della serotonina sono uno strumento potente nel nostro corpo che sa suonare il cannabidiolo. In realtà, stimola il recettore 5-HT1A appartenente a questo gruppo. Il risultato è un’ampia gamma di effetti CBD positivi:

  • Risoluzione dei problemi
  • Stimola il sonno
  • sensazione di dolore
  • Contro nausea e vomito
  • controllo della fame
  • Influenzare il comportamento di dipendenza

Attraverso questa cascata di effetti, il CBD sembra essere un potenziale aiutante nella sospensione oppiacea, nel trattamento dei disturbi post-traumatici da stress o in malattie come il morbo di Parkinson.

Effetto ansiolitico per attivazione dei recettori P1

P1 o recettori dell’andenosina regolano il sistema cardiovascolare e rilasciare sostanze antinfiammatorie nel corpo. Attivando questi recettori, il cannabidiolo può avere anche un effetto positivo in questo senso.

Nel 2012, Ribeiro et al. hanno dimostrato in uno studio in Vivo che il CBD può ridurre l’infiammazione di un polmone ferito nei ratti attivando il recettore dell’andenosina A2A. Un altro studio ha osservato un effetto simile della CBD e ha dimostrato che è in grado di ridurre le sostanze messaggere pro-infiammatorie (Malfait et al. 2000).

Oltre a questo, i recettori dell’andenosina svolgono un ruolo chiave nel cervello, bloccando sostanze come la dopamina, il glutammato, la noradrenalina e l’acetilcolina. Così, l’effetto CBD è in grado di intervenire in questo ciclo di neurotrasmettitori stimolanti.

Effetto antagonistico sul recettore GPR55

Nel corso dell’effetto cannabidiolo, i cosiddetti recettori GPR55 possono essere disattivati. Questi recettori cannabinoidi atipici regolano, ad esempio, il riassorbimento di nutrienti dalle ossa nel flusso sanguigno. La CBD può fermare questo effetto, che potrebbe portare ad una maggiore stabilità ossea.

Secondo le attuali ricerche di ricercatori cinesi, la crescita delle cellule tumorali potrebbe essere inibita anche dall’effetto antagonistico della CBD su questi recettori (G Hu et al. 2010).

Ci sono indicazioni isolate che l’effetto CBD sul recettore GPR55 può anche causare effetti anti-infiammatori.

Recettori proliferanti perossisomi attivati

Questi recettori si trovano nel nucleo e sono divisi in tre sottoclassi:

  1. PPAR alpha
  2. PPAR beta
  3. PPAR gamma

Secondo la ricerca, il cannabidiolo colpisce sia i recettori alfa che quelli gamma agendo come agonista, cioè come attivatore. Questo può inibire la crescita delle cellule tumorali e portare anche ad una riduzione delle proteine beta-amiloidi. Queste proteine svolgono un ruolo nello sviluppo della malattia di Alzheimer, che rivela un altro effetto positivo CBD. (Esposito et al. 2011)

I recettori PPAR svolgono un ruolo anche nello sviluppo del diabete (intensità insulinica!) e PPAR-alfa in particolare influenzano malattie mentali come la schizofrenia. In entrambi i casi, i pazienti potrebbero trarre enormi benefici dall’effetto CBD.

Researching the CBD oil effects (cannabidiol) in the laboratory

Possibili effetti della CBD in sintesi

Anche se l’effetto del cannabidiolo non è ancora completamente trasparente, lo stato attuale delle conoscenze consente di trarre conclusioni sui possibili campi di applicazione. Le malattie e le condizioni in cui la CBD potrebbe avere un effetto includono:

  • ADD
  • disturbi della pelle
  • tossicodipendenza
  • AIDS
  • Sclerosi laterale amiotrofica
  • Sclerosi multipla
  • Demenza/Malattia di Alzheimer
  • stati d’ansia
  • arteriosclerosi
  • artrite
  • asma
  • autismo

  • Stress patologico
  • Disturbo bipolare
  • granchio
  • Malattia di Crohn
  • avvallamenti
  • diabete
  • epilessia
  • fibromialgia
  • glaucoma
  • disturbi cardiovascolari
  • infiammazioni
  • problemi di digestione

  • emicrania
  • cinetosi
  • eccesso di peso
  • Nevrosi da coercizione
  • Malattia di Parkinson
  • osteoporosi
  • MALATTIA DELLA MUCCA PAZZA
  • Disturbo post-traumatico da stress
  • reumatismo
  • schizofrenia
  • falcemia
  • disturbi del sonno

Di seguito troverete un elenco dei meccanismi di azione attribuiti al cannabidiolo:

  • Analgesico (analgesico)
  • Antinfiammatorio (contro l’infiammazione)
  • Anoressico (sopprimendo l’appetito)
  • Antiemetico (contro nausea e vomito)
  • Anticinetico (calmante)
  • Ansiolitico (Ansiolitico)
  • Neurolettico (Contro i disturbi della coscienza)
  • Antiepilettico (contro l’epilessia)
  • Antispasmodico (antispasmodico)
  • Vasolizzante (vasodilatatore)

  • Antisonnia (calmante, sonnolenta)
  • Immunosoppressivo (contro allergie/ malattie autoimmuni)
  • Antidiabetico (contro i sintomi del diabete)
  • Neuroprotettivo (protezione del nervo, contro l’Alzheimer & Co.)
  • Antipsoriasico (contro psoriasi e problemi della pelle)
  • Antiischemico (stimola la circolazione sanguigna)
  • Antibatterico (Contro i batteri)
  • Antifungine (contro le infezioni fungine)
  • Antiproliferativo (inibisce la crescita del tumore)

Come beneficiare delli effetti CBD

Poiché il cannabidiolo è liberamente disponibile per la vendita, chiunque può beneficiarne. Preferiamo l’olio CBD perché è più economico di altri tipi (gomma da masticare meno costosa, spray, capsule) e può essere dosato con precisione.

Per determinare la quantità appropriata da prendere, ci vuole un sacco di tentativi ed errori. Ci sono forti differenze individuali in termini di efficacia, quindi è importante trovare il “punto dolce” personale.

Il nostro consiglio: CBD da Candropharm

Foto einer Candropharm100-Flasche

Candropharm100 – N0stro Consiglio

Abbiamo testato i prodotti Candropharm e siamo entusiasti. Perché? Vedere di persona:

  • La prima CBD al mondo senza componenti THC e CBDa
  • Purezza estremamente elevata del 99,5
  • Spedizione veloce e prezzo basso
  • Prodotto preferito dei nostri lettori senza THC!
  • Troverete sempre il miglior prezzo con noi

Non siete sicuri di quale olio avete bisogno?

This post is also available in: Tedesco Inglese Francese Spagnolo Olandese Polacco